Disciplinare di produzione della denominazione PIADINA ROMAGNOLA

News

SEMPRE MENO CREDITO ALLE IMPRESE


Il report periodico dell’Ufficio Studi mette in evidenza le più recenti tendenze del mercato del credito alle imprese. Ad ottobre 2017 i prestiti alle società non finanziarie scendono del 0,5% mentre i prestiti al totale delle famiglie aumentano del 2,8%. Per quanto riguarda la classe dimensionale d’impresa gli ultimi dati disponibili evidenziano per le imprese medio-grandi un aumento del credito dello 0,2% mentre persiste la flessione per le imprese con meno di 20 addetti che registrano un calo dello 0,8%. L’analisi settoriale per le società non finanziarie vede in crescita sia il Manifatturiero sia i Servizi dell’1,0% a cui si contrappone il calo del 5,1% delle Costruzioni. Il calo dei prestiti concentrato nelle piccole imprese non sembra inoltre strettamente determinato da condizioni strutturali di maggiore rischiosità: a giugno 2017, tra le società sane, il credito sale del 3,0% per le grandi imprese e dell’1,5% per le medie mentre ristagna (0,3%) per le piccole e scende del 2,5% per le micro imprese.

Il calo dei prestiti alle imprese concentrato sul segmento di piccola dimensione è influenzato da maggiore difficoltà di accesso al credito: nel settore manifatturiero il saldo di opinione sull’accesso al credito delle micro imprese a settembre 2017 rimane negativo (-2,5%) mentre è positivo per le imprese medie (1,5%) e grandi (3,0%). La maggiore difficoltà di accedere a strumenti di finanziamento bancario non è da considerarsi conseguenza della minore qualità del credito delle piccole imprese che presentano una quota di crediti deteriorati del 25,5%, inferiore di 2,7 punti percentuali rispetto al 28,2% di una impresa medio-grande. In parallelo, pur in un contesto caratterizzato dagli effetti positivi della politica monetaria sul costo del credito, una piccola impresa, in media nazionale, paga un tasso di interesse effettivo pari al 7,07% superiore di 301 punti base rispetto al 4,06% pagato da una impresa medio-grande.

L’analisi dei prestiti all’artigianato – resa possibile grazie alla collaborazione con Artigiancassa – evidenzia a giugno 2017 uno stock, comprensivo delle sofferenze, di 41,0 miliardi di euro, in calo in un anno di 2,5 miliardi: il calo del 5,8% intensifica la flessione del 4,5% di marzo 2017 ed uguaglia quella osservata un anno prima. In cinque anni (giugno 2012-giugno 2017) i prestiti all’artigianato si sono ridotti complessivamente di un quarto (-23,1%), pari a 12,3 miliardi di euro in meno, calo oltre una volta e mezzo quello registrato dal totale imprese (-13,5%).

Il recente andamento dei prestiti alle imprese e dei tassi di interesse sul territorio viene fotografato nell’Elaborazione Flash “Trend del credito alle imprese artigiane a giugno 2017”.




Privacy Policyrealizzazione siti internet rimini